AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità MappaMappa del sitoProgetto SeOLProgetto EtnaOnline
Registro Unico della Fatture - Art. 42 del D.L. n. 66/2014

Con Deliberazione di Giunta Municipale n. 91 del 20 giugno 2014 questo Ente ha emanato le Direttive in materia di rispetto dei tempi di pagamento e di gestione del registro unico delle fatture ex Decreto-Legge 14.04.2014, n.66; da attivare a decorrere dal 1° luglio 2014.

Ogni fattura o altro documento contabile equivalente, oltre a contenere tutte le annotazioni previste dall'art. 42 del D.L. 66/2014, deve indicare:
- l’Area e l’ufficio comunale cui la fattura è diretta;
- il numero e la data della determinazione dirigenziale contenente il relativo impegno di spesa;
- il numero di conto dedicato sul quale effettuare il pagamento.

Tutte le fatture o gli altri documenti contabili equivalenti, completi di tutti i dati previsti dal precedente punto, relativi a spese per somministrazioni, forniture ed appalti ed obbligazioni relativi a prestazioni professionali emesse nei confronti di questo Comune, devono essere annotate esclusivamente nel registro unico delle fatture di cui all’ articolo 42 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, da attivare a decorrere dal 1° luglio 2014. E' esclusa la possibilità di ricorrere a registri di settore o di reparto.

Ai fini di annotare esattamente i dati delle fatture da riportare obbligatoriamente nel registro, responsabili delle aree  e dei procedimenti, conseguita l’esecutività del provvedimento di spesa, nell’atto di ordinazione della prestazione devono comunicare ai soggetti interessati anche i seguenti dati da inserire nelle fatture o nei documenti contabili equivalenti:
- il numero e la data della determinazione dirigenziale con cui é stato assunto l’impegno di spesa;
- l’importo totale della spesa da fatturare, al lordo dell’IVA o di eventuali altri oneri e spese indicati ovvero se la  spesa non é rilevante ai fini dell’assolvimento dell’IVA;
- il Codice identificativo di gara (GIG), tranne i casi di esclusione dall'obbligo di tracciabilità di cui alla legge 13 Agosto 2010, n. 136;
- il Codice unico di Progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche, interventi di manutenzione straordinaria, interventi finanziati da contributi comunitari e, ove previsto, ai sensi dell'articolo 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3.
- eventuali altre informazioni che il dirigente del servizio di ragioneria riterrà necessarie.

Dal 1 luglio 2014 e sino alla data del 30 marzo 2015, gli originali delle fatture analogiche o digitali e le equivalenti richieste di pagamento (quali: ingiunzioni di pagamento, .....) pervenute a qualsiasi ufficio devono essere trasmesse, tempestivamente, all’ufficio del protocollo generale attraverso il seguente indirizzo di posta elettronica certificata: protocollo@pec.comunemineo.telecompost.it.
 
A decorrere dal 31 marzo 2015 - data di entrata in vigore dell’obbligo della fatturazione elettronica e dell’invio delle fatture alle pubbliche amministrazioni esclusivamente attraverso il sistema informatico - tutte le fatture digitali dovranno essere inviate dai creditori esclusivamente al predetto indirizzo di posta elettronica.


Vedi: Schema di fattura - Schema di fattura con ritenuta d'acconto.--